Guida alle spezie e alle erbe antinfiammatorie

Guida alle spezie e alle erbe antinfiammatorie

Se sei amante dei rimedi naturali e vuoi prevenire i malanni, o accostare ai medicinali dei cibi che possano aiutare il tuo recupero, ti consigliamo le spezie e le erbe antinfiammatorie che fanno bene al tuo organismo. 

Tra le erbe e le spezie antinfiammatorie più efficaci troviamo:

  • curcuma
  • chiodi di garofano
  • aglio
  • peperoncino
  • rosmarino
  • salvia
  • coriandolo

Le proprietà della curcuma

La curcuma è una delle spezie indiane (link sulle spezie indiane) più utilizzate in cucina e per la preparazione di integratori. È nota per le sue qualità antinfiammatorie, tanto che anche la scienza medica ha attestato la validità di questa spezia nei processi antiinfiammatori, antiossidanti e neuroprotettivi. Ma come agisce nello specifico?

Il potere della curcuma deriverebbe dalla curcumina, il principale componente biologicamente attivo della spezia. Questo influenzerebbe gli stati infiammatori che fanno scaturire patologie come: l’obesità, il diabete, i disturbi cardiovascolari e i tumori.

In particolare, gli studi condotti in merito hanno evidenziato come la curcuma abbassi gli zuccheri nel sangue, aumenti il colesterolo HDL – il cosiddetto colesterolo buono – a discapito del LDL.

Mentre, nei soggetti affetti da aterosclerosi, la curcuma agirebbe diminuendo i livelli nel sangue di fibrinogeno (una glicoproteina essenziale per la coagulazione del sangue). In queste persone, infatti, l’ispessimento e l’irrigidimento delle arterie potrebbe provocare ulteriori danni nel caso il sangue fosse poco fluido. La curcuma, quindi, aiuterebbe a fluidificare il sangue prevenendo l’insorgenza di trombi.

Le proprietà dei chiodi di garofano

chiodi di garofano vengono utilizzati per alleviare i sintomi delle infiammazioni e curarne i sintomi. Questa spezia può essere usata per combattere le infiammazioni del cavo orale, della gola – agendo anche da analgesico naturale -, e anche per le alterazioni cutanee dovute all’acne.

In questo caso sarebbe consigliato fare un impacco con la soluzione ricavata dall’ebollizione dei chiodi di garofano nell’acqua con l’aggiunta di limone. Basta passare un batuffolo di ovatta con l’acqua ai chiodi di garofano sulla pelle per beneficiare del suo effetto antibatterico e antinfiammatorio.

Le proprietà dell’aglio

Nonostante il suo odore poco gradevole, l’aglio è un toccasana contro i malanni stagionali. Funge da antibiotico naturale, antibatterico e rafforza le difese immunitarie. Grazie alla sua carica antinfiammatoria, l’aglio riduce l’ossidazione dei tessuti organici e, di conseguenza, l’invecchiamento cellulare. Inoltre è un ottimo alleato della pelle affetta da infiammazioni.

Le proprietà del peperoncino

Come la curcuma, anche il peperoncino avrebbe la capacità di agire contro le infiammazioni croniche che causano lo sviluppo di patologie come l’obesità e i tumori. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che la somministrazione di peperoncino riduca il grasso addominale, pericoloso per l’insorgenza di patologie cardiache.

Grazie alla presenza della capsaicina, il peperoncino svolge un’azione preventiva anti tumorale come nel caso del tumore al seno, al colon, alla prostata, allo stomaco e al polmone.

Le proprietà del rosmarino

Le proprietà antinfiammatorie del rosmarino sono associate a quelle antidolorifiche. Questa erba ha il potere di alleviare i dolori reumatici, l’emicrania e la sciatalgia.

È possibile preparare un infuso a base di rosmarino. Basta mettere in 1 litro d’acqua bollente 20 gr di rosmarino essiccato e lasciar in infusione per 10 minuti prima di berlo.

Le proprietà della salvia

La salvia è un potente antinfiammatorio contro le irritazioni della gola e del tratto respiratorio. Un buon rimedio per combattere questi malanni sono i decotti contro il mal di gola e i suffimigi con qualche goccia di olio essenziale contro la tosse e il raffreddore.

Nel caso di infiammazioni del tratto orofaringeo è possibile preparare una soluzione per gargarismi e sciacqui. Basta lasciare in infusione 2,5 gr di salvia in acqua bollente per almeno 10 minuti, falla raffreddare e fare gli sciacqui.

Proprietà del coriandolo

Il coriandolo è tra le erbe antinfiammatorie che, insieme a spezie come zenzero, cannella, curcuma e pepe, è sottoposta a studi nella prevenzione di alcune patologie neurodegenerative quali l’Alzheimer, il Parkinson e la sclerosi multipla.

Il coriandolo combatterebbe il fenomeno infiammatorio che provoca l’insorgenza di queste malattie. Uno studio ha dimostrato come i soggetti che integrano la dieta con questa spezia siano meno colpiti da queste patologie.

Ti è piaciuto l’articolo? Segui tutti i nostri aggiornamenti sulle spezie che ti fanno bene!

Lascia un commento